venerdì 25 agosto 2017

PAPER PALACE, ERIN WATT. Recensione in anteprima.


TITOLO: Paper Palace

AUTORE: Erin Watt

SERIE: The Royals Series #3

EDITORE: Sperling&Kupfer

PUBBLICAZIONE: 19 settembre 2017 

GENERE: Young adult romance

PAGINE: 370

PREZZO: € 17,90 ca

Da una parte c'è lei: Ella Harper. Diciassette anni, grinta da vendere e un conto in sospeso con la vita. Dall'altra ci sono loro: i Royals. Cinque fratelli. Ricchi, magnetici, sexy e... odiosi. Un patto che nasconde più di un segreto. E una convivenza forzata. Le scintille saranno solo l'inizio!
Questi Royals ti rovineranno.
Da nemici mortali ad inaspettati alleati, due adolescenti cercano di proteggere tutto ciò che conta di più.
Ella Harper si è scontrata con ogni genere di sfida nella sua vita.
E' dura, resistente, e disposta a tutto per difendere le persone che ama, ma la sfida tra un padre che aveva perduto e un fidanzato la cui vita è in prima linea, potrebbe essere troppo anche per lei.
Reed Royal dispone di un temperamento arguto e pugni ancora più veloci.
Ma la sua tendenza a soddisfare ogni ostacolo con la violenza lo ha travolto.
Se vuole salvare se stesso e la ragazza che ama, avrà bisogno di superare il suo passato tormentato e la sua reputazione macchiata.
Nessuno crede che Ella possa s lo opravvivere ai Royals.
Tutti sono sicuri che Reed li distruggerà.
Possono avere ragione.
Con tutto e tutti contro, e nel tentativo di separarli, Ella e Reed devono trovare un modo per battere la legge, salvare le loro famiglie, e svelare i segreti dei loro intricati palazzi.






Attenzione spoiler sui precedenti capitoli della serie. 


Chi ha ucciso Laura Palmer?
Beh, questa è decisamente un'altra storia, ma sta di fatto che tutto ruota attorno alla morte della povera, innocente, casta, Brooke Davidson, la fidanzata di Callum Royal.
Il secondo capitolo di questa trilogia ci ha lasciati con il cuore in gola, con Reed Royal che veniva arrestato con l'accusa di omicidio ai danni di Brooke.
In effetti care ragazze, tutto fa sembrare che sia veramente Reed il colpevole.
Pare, infatti, che le prove contro di lui siano schiaccianti e i suoi trascorsi a dir poco burrascosi, davvero non aiutano il povero ragazzo ad uscire indenne da questa situazione.
Altro particolare scioccante che ci ha lasciate interdette alla fine di paper prince, è la ricomparsa di Steve, il padre di Ella.
L'uomo, che sembra l'incarnazione del personaggio di Cast Away, riappare proprio mentre Reed viene scortato dalla polizia in manette.
Dopo nove mesi di silenzio assoluto e mille ricerche da parte di Callum, l'uomo si ripresenta alla sua porta raccontando una storia quasi assurda sulla sua sopravvivenza, ed oltre a questo, Steve, non è nemmeno consapevole che nel frattempo sua figlia Ella è diventata una Royal a "quasi" tutti gli effetti.
Beh, in realtà non sapeva nemmeno di averla una figlia.




Ripresosi dallo stupore iniziale, decide di diventare quel padre che non è mai stato, protettivo e responsabile, e inizia a dettare rigide regole sul futuro della ragazza.
Se vi ricordate un po' il caratterino di Ella, capirete sicuramente come lei si sentirà al riguardo.
Una ragazza da sempre abituata a non avere nessuna imposizione e nessuno che badasse a lei (prima dei Royal), all'inizio non prenderà troppo bene la cosa.
In più, lei sente Steve come un perfetto estraneo, e pur essendo biologicamente suo padre, lo teme e allo stesso tempo ha la consapevolezza di non essere sicura di piacerle.

Non voglio passare del tempo con lui perchè sono spaventata.
E se non gli piaccio?
Voglio dire, ha lasciato mia mamma. Con tutti i pregi che aveva, non è riuscita a trattenerlo, e Maggie Harper era un angelo, bello dolce e gentile.
E poi ci sono io ... una persona suscettibile, con cui è difficile andare d'accordo, per non dire sboccata e testarda già alla veneranda età di diciassette anni.
Detto ciò, Steve la strappa letteralmente dalla casa dei Royal e quando apprende che Reed ed Ella sono una coppia, ecco che le porte dell'inferno si aprono.  Nonostante sia apparentemente sicuro dell'innocenza di Reed, non vuole che la figlia abbia nulla a che fare con quel ragazzo che quasi sicuramente passerà il resto della sua vita chiuso in una cella.
Per i ragazzi la separazione imposta sarà un dolore che si aggiunge alla loro già triste condizione.
Iniziano a capire che il loro futuro è minato da questo grosso macigno che pende sulla loro testa, ma nonostante tutto il loro amore cresce ogni giorno di più e nessuno riesce a separarli veramente.

Ella non ha idea di quanto sia stupenda.
Ogni ragazza alla Astor Park farebbe qualsiasi cosa per avere quelle curve, quei capelli dorati, quei lineamenti immacolati.
E' la perfezione, pura e assoluta.
Ed è completamente mia. 

Finalmente avranno la loro prima volta insieme, tra sotterfugi e accordi tra amici e nemici.
Ma riusciranno ad avere un lieto fine insieme?
Il destino dei Royal sarà segnato definitivamente?
E Reed sarà davvero innocente?
Una degna conclusione per questa splendida trilogia, ragazze.





Le autrici si sono davvero impegnate nel trasportare il lettore in una dimensione fatta di sentimenti, amore e di amicizia. Vedremo consolidarsi una famiglia che nonostante mille problemi e difetti, non si separa mai e si stringe in un grande nucleo coeso per aiutarsi l'un l'altro, sempre.
Le vicende contornate da questa sorta di sfondo poliziesco, fino alla fine ti lasciano col fiato sospeso, nell'incertezza di scoprire il vero colpevole di questo omicidio.
Che dire, bimbe?
Da leggere assolutamente!
Ma non siamo mai sazie di questi Royal, giusto?
Infatti aspettiamo con ansia la storia di tutti gli altri fratelli, e Sperling ci fa sapere che il prossimo ad arrivare in Italia sarà Easton.
Forza Erin Wat! 




Nessun commento:

Posta un commento