giovedì 31 agosto 2017

ELEMENTS SERIES #2. INFINITE VOLTE, BRITTAINY C. CHERRY. Recensione in anteprima.


TITOLO: Infinite volte

AUTORE: Brittainy C. Cherry

SERIE: Elements #2

EDITORE: Newton Compton

PUBBLICAZIONE: 31 agosto 2017

GENERE: Contemporary Romance

PAGINE: 288

PREZZO: € 5,99 ebook 


Un romanzo che ti rimane dentro, anche se hai finito di leggerlo
C’era una volta un ragazzo, e io lo amavo. Logan Francis Silverstone e io eravamo davvero agli antipodi. Mentre io mi scatenavo, lui rimaneva immobile. Lui era silenzioso e io il tipo che non riesce a smettere mai di parlare. Vederlo sorridere era quasi un miracolo, mentre era impossibile vedere me anche solo con le sopracciglia aggrottate. La sera in cui ho visto con i miei occhi il buio dentro di lui, non sono riuscita a distogliere lo sguardo. Insieme eravamo due metà che non diventano mai davvero una cosa sola. Insieme eravamo un dieci e lode e un sette in condotta allo stesso tempo. Eravamo due stelle che brillavano nel cielo notturno, alla ricerca di un desiderio, di un domani migliore. Fino al giorno in cui l’ho perso. È stato lui a buttare via tutto ciò che eravamo, e l’ha fatto in un solo momento. Senza pensare che ci avrebbe cambiato per sempre.
C’era una volta un ragazzo, e io lo amavo. E per alcuni momenti, brevi respiri, pochi sussurri, addirittura attimi, penso che mi abbia amata anche lui.


Infine volte è il secondo volume della “Element series” di Brittany C. Cherry. Nel primo romanzo, Ti amo per caso, abbiamo letto la splendida e struggente storia d’amore e di rinascita tra Tristan e Elizabeth; se avete letto la mia recensione saprete già quanto mi sia piaciuto quel romanzo e quanto sia stato difficile leggerlo. Se il primo romanzo mi aveva colpita, quest’ultimo, mie care Angels, ha ridotto completamente il mio cuore in brandelli: ogni frase, ogni pensiero pronunciato dai protagonisti, ha fatto di me un’ameba. Quante lacrime ho versato, mamma mia! Credo che ci sia solo un’altra autrice che sia in grado di ridurmi così, e si tratta di C. Hoower. La Cherry me la ricorda molto, con il suo stile intimista, evocativo e incisivo al punto giusto. 
Preparatevi a leggere una storia d’amore con la A maiuscola, un amore puro, vero, sincero e altruista che, però, come tutte le cose belle e semplici, si trasformerà e assumerà forme diverse, fino a diventare egoista, sbagliato, malato e porterà i due protagonisti a farsi del male, a distruggersi, fino ad allontanarli. 


Questo è ciò che accadrà a Logan e Alyssa: i due si conoscono una mattina qualunque, quando Logan si presenta alla cassa del negozio di alimentari in cui lavora Alyssa; sfortunatamente lui non possiede tutto il denaro necessario per poter pagare la sua spesa e Alyssa, intristita da questa cosa, paga per lui la spesa. Da quel giorno nascerà tra loro una profonda amicizia, che con gli anni diventerà qualcosa di più profondo, così profondo e importante che non esisterà l’uno senza l’altra. Non ci sarà Logan senza Alyssa, e non ci sarà Alyssa senza Logan. Entrambi provengono da due mondi diversi, due mondi completamente agli antipodi: lei è figlia di una nota avvocatessa della città e ha sempre vissuto nel benessere e negli agi; lui invece proviene dai profondi meandri della città, dove la povertà e la violenza fanno da padrone. La sua vita è stata segnata dalla violenza e dagli abusi subiti da parte del padre che non ha mai dimostrato un briciolo di umanità nei suoi confronti, e dalla madre alla quale importa più una dose di droga piuttosto che di suo figlio. Non sa cosa significhi essere amati da qualcuno (l’unica persona a mostrargli affetto e interesse è il fratellastro Kellan, per il quale nutre una profonda ammirazione e rispetto): per lui voler bene a qualcuno significava soffrire. Donarsi completamente a qualcuno, abbandonarsi a qual sentimento, significa BRUCIARSI. 
Aveva paura di far conoscere il suo amore,
perché se la vita gli aveva insegnato qualcosa,
era che l’amore non era un premio, era un’arma.
E lui era molto stanco di venire ferito.
Anche Alyssa come Logan ha bisogno di sentirsi amata, perché entrambi i genitori non sono stati in grado di mostrarle affetto, di farla sentire importante e speciale. Quell’amicizia nata per caso diventerà indispensabile, diverranno l’uno la panacea dell’altro. Lei andrà a rifugiarsi tra le sue braccia, ogni qualvolta si sentirà sola e delusa, e lui troverà in lei la sua “casa” il suo “rifugio sicuro”nel quale trovare riparo, tutte le volte in cui i demoni che lo tormentano tornano a bussare alla sua porta. Se da un lato Alyssa diventerà per lui la sua luce, la sua fonte di speranza, il suo “sballo più grande” la sua HIGH; dall’altro lato il sentimento che nutre per lei, diventerà fonte di preoccupazione perché non si ritiene degno e ha paura di ferirla, ha paura che il bisogno di “perdersi” tutte le volte che la cruda realtà gli si scaraventa addosso possa trascinarla giù negli abissi. 
La vita, però, avrà per loro e per il loro amore un disegno diverso, un disegno che li vedrà allontanarsi e prendere strade diverse, forse definitivamente. Non ci sarà più High senza il suo Lo, e non esisterà più Lo senza la sua High. I giorni diverranno settimane, le settimane mesi e i mesi, anni. Saranno 1049 giorni fatti di silenzi assordanti, giorni in cui Logan cercherà di tornare a galla, e Alyssa cercherà di non affondare nella disperazione e, seppur annaspando, proverà a riprendere in mano la sua vita e a ricominciare a viverla. 
Sarà Kellan a riportare Logan a “casa”, ma cosa succederà quando si troverà nuovamente di fronte la sua Alyssa? Daranno ancora una possibilità alla loro storia o lasceranno che la fiamma che alimenta il loro amore tormentato si dissolva con un alito di vento? 

Sei ancora il fuoco che mi tiene al caldo quando la vita diventa fredda. Sei ancora la voce che tiene a bada le tenebre. Sei ancora la ragione per cui mi batte il cuore. Sei ancora l’ossigeno nei miei polmoni. Sei ancora il mio sballo più grande. E io sono ancora veramente, pazzamente, dolorosamente innamorato di te. E non so come smettere. 
Ero del tutto consapevole che la lettura di questo romanzo non sarebbe stata semplice, credo che il primo della serie sia stato solo un’introduzione, un piccolo assaggio del talento dell’autrice. La Cherry ha la capacità di creare storie e protagonisti che riescono a entrarti dentro; la loro sofferenza, il loro dolore, il tormento diventano i tuoi, e non puoi fare a meno di sentirti parte integrante della storia. Come ho già anticipato nella precedente recensione, ogni pensiero, ogni frase scritta nei suoi romanzi, custodisce l’anima e il cuore dell’autrice, che è riuscita anche questa volta a raccontare una storia dolorosa, struggente e intima, ma al contempo piena di speranza, di desiderio di redenzione e amore, quello vero, quello incondizionato. Un amore che è capace di distruggerti, di ridurre il tuo cuore in cenere in un battito di ciglia, ma che nello stesso lasso di tempo è capace di donarti la vita stessa. 
Il romanzo è diviso in due parti. Nella prima parte leggerete di come tutto è nato, il loro primo incontro, il loro primo bacio, la loro prima volta. Leggerete come il bello si è tramutato in brutto, della luce divenuta tenebre, e di come la vita ancora una volta sembra remargli contro. Nella seconda parte, quella che a mio avviso è quella più ricca di pathos, sarete testimoni del loro riavvicinamento e leggerete intere pagine che vi metteranno ko. Pagine pregne di angoscia e tormento in cui i protagonisti metteranno a nudo loro stessi. 
Io voglio te. Voglio le cicatrici. Voglio le bruciature. Voglio i tuoi casini. Le tue cicatrici, le tue bruciature, i tuoi casini… quello è il mio cuore. Tu sei tutto quello che ho sempre desiderato e tutto quello di cui avrò sempre bisogno. La tua sofferenza è la mia sofferenza. La tua forza è la mia forza. Il battito del tuo cuore passa attraverso il mio. Quindi, no, non sceglierò di andarmene. Non voglio scappare solo perché, a volte, le cose si fanno difficili. Voglio te. Tutto di te… il bello, il brutto, il dolore, la rabbia. Se attraverserai l’inferno, io ti terrò la mano per tutto il tempo. Se le fiamme nella nostra vita continueranno a salire, bruceremo come un’unica persona. Sei questo per me, Logan. Ieri, oggi, domani… sono tua. Tu sei la mia fiamma perenne. 
La componente introspettiva è a mio avviso l’elemento di forza dei romanzi della Cherry. Anche questa volta sia i personaggi principali sia quelli secondari - che non faranno da semplice contorno ma saranno fondamentali per le dinamiche della storia, tanto da essere loro stessi protagonisti di una storyline parallela alla principale - sono caratterizzati alla perfezione. Come ho anticipato, vi troverete a leggere due storie parallele, ma questo aspetto, che avrebbe potuto sviare l’attenzione del lettore dalla storia principale, a mio avviso ha solo arricchito la storia, l’ha resa ancora più struggente, più vera, più credibile. 
Leggendo questa storia, ho provato una forte empatia con entrambi i protagonisti, li ho amati in ogni loro sfaccettatura, ma è stato Logan che mi ha rubato il cuore. Il suo personaggio sarà quello che dovrà affrontare innumerevoli prove, e il suo diverrà un lungo e travagliato viaggio di crescita e redenzione. Risorgerà come un’araba fenice dalle sue stesse ceneri e imparerà che l’amore non è solo un'arma in grado di ferirti. L’amore, il vero amore, quello puro, vero e incondizionato, ti cambia, ti rende libero e felice. 



Mie care Angels, starei a parlarvi ancora ore di questo romanzo, potrei sviscerare frase per frase, e innamorarmene sempre di più, ma vi toglierei il piacere di leggerlo, quindi mi fermo qui e spero vivamente che ciascuna di voi dia una possibilità a questo romanzo. Sono certa che Logan e Alyssa si saranno guadagnati un posto nel vostro cuore, così come hanno fatto con il mio. 
Se proprio devo trovare un difetto a questo romanzo, credo che la scelta del titolo italiano, non renda del tutto giustizia a questa storia: non me ne voglia la CE, ma il titolo originale del romanzo “THE FIRE BETWEEN HIGH & LO” è perfetto e racchiude il senso di tutta la storia, perché l’amore tra Logan e Alyssa è proprio una fiamma che arde, e niente e nessuno può spegnerla. 

Alla prossima lettura!







Nessun commento:

Posta un commento