giovedì 14 settembre 2017

QUELL'APPUNTAMENTO SEGRETO A PARIGI, CAROLINE BERNARD. Review party.





TITOLO: Quell'appuntamento segreto a Parigi

AUTORE: Caroline Bernard

EDITORE: Newton Compton

PUBBLICAZIONE: 14 settembre 2017

GENERE: Contemporary romance

PAGINE: 410

PREZZO: € 2,99 ebook; 10,00 cartaceo
«Un romanzo emozionante sull’amore e sulle vie sbagliate che può prendere la vita. Magnifico!»
Delmenhorster Kreisblatt
Parigi, 1928: Vianne sogna di diventare una botanica e di lavorare nel prestigioso Jardin des Plantes di Parigi. Quando a un certo punto s’innamora di un pittore emergente, David Marlowe Scott, e si immerge con lui nell’abbagliante atmosfera bohémienne frequentata dall’avanguardia francese, la fortuna sembra sorriderle. Non solo diventa la musa di David, ma conosce anche quello che presto sarebbe diventato il direttore dell’Istituto botanico, che è in cerca di un’assistente. Vianne viene assunta, realizzando così il suo sogno. L’arrivo della guerra, però, porterà distruzione non solo nella vita di una nazione, ma anche in quella privata di Vianne e David… Molti decenni dopo, Marlène è a Parigi, per festeggiare con Jean-Louis l’anniversario di matrimonio. Si trova al Museo d’Orsay quando s’imbatte in un dipinto, Dopo il ballo, di David Marlowe, in cui è ritratta una donna che le assomiglia come una goccia d’acqua. Chi è quella donna? Marlène cerca di far luce sulla sua identità, fino a scoprire la storia di Vianne, il suo legame con lei e un passato che nessuno le ha mai raccontato…


Due donne il cui destino incrocerà.
Due donne, vissute in epoche diverse ma accomunate dalla stessa passione: Parigi.
Era il lontano 1929 e Vianne era una ragazzina di 15 anni con una passione smodata per la vita e tutto ciò che riguarda la natura.
Il suo più grande sogno è quello, un giorno, di studiare nella maestosa Parigi per diventare una botanica, incantata da sempre dalla natura che la circonda.
Cresciuta in una famiglia modesta con due genitori amorevoli ma molto autoritari e due fratelli, tra cui il suo gemello.
Vianne è sempre stata una ragazzina un po' fuori dagli schemi per quell'epoca.
Era considerata dagli abitanti dalla sua cittadina troppo libertina. Non amava la compagnia delle sue coetanee, ma preferiva di gran lunga arrampicarsi sugli alberi con i ragazzi e per mettere a tacere le voci maligne della gente, i suoi genitori decisero di chiuderla in casa.
Usava il suo tempo libero per gironzolare tra i boschi, raccogliere ogni fiore o foglia particolare che trovava, facendola essiccare con metodo e amorevole cura, cercando poi sui libri la provenienza.

... trascorreva ogni minuto libero studiando botanica, e più si addentrava in questa scienza, più ne rimaneva affascinata.Dove altri vedevano solo erbaccia o piante commestibili, lei scopriva forme, colori, ramificazioni e venature delicate...Adorava questa attività e la accompagnava nelle molte ore che trascorreva da sola.


Questa sua passione non era condivisa da nessun componente della famiglia, il suo destino era già segnato da una vita fatta di lavoro nel negozio di famiglia, un marito e un giorno dei figli. Non c'era posto per gli studi, e a nulla sarebbe servito ogni suo capriccio o rimostranza. Vianne all'età di 16 anni prende una decisione improvvisa. La sua vita e la sua passione non potevano essere soffocate e nonostante sapesse di arrecare un grosso dolore alla famiglia sceglie che la sua vita è più importante.  Di nascosto fa i bagagli e con i pochi risparmi che aveva acquista un biglietto per Parigi e parte con la speranza di riuscire, una volta arrivata nella più bella città del mondo, a realizzare i suoi sogni.



Siamo al giorno d'oggi. 
Marlène è una donna di trentanove anni, sposata da dieci con Jean Louis e vive la sua vita senza nessuna emozione e senza nessuna passione. L'unica cosa che ha sempre sognato di fare nella vita è terminare i suoi studi di storia dell'arte a Parigi.
Marlene è innamorata dell'arte in ogni sua sfaccettatura, ma quando la madre si ammala, poco prima della sua laurea, è costretta a fare ritorno a casa per seguirla e curarla.
Il tempo e gli anni sono passati, e un po' per il poco coraggio e un po' per l'incontro con l'uomo che diventa poi suo marito, rinuncia a tutto ciò che aveva sempre amato con così tanto ardore.
Con suo sommo dispiacere, l'uomo che ha sposato non ha mai condiviso i suoi stessi interessi e dopo tanti anni tutto questo è diventato un peso. Nonostante ciò, ha sempre cercato di trovare qualcosa di buono nel suo matrimonio così stanco.
Innaspettatamente, per festeggiare il loro decimo anniversario di matrimonio, il marito regala alla moglie un viaggio romantico proprio nella città che tanto ama, quindi partono per Parigi e Marlène è più che decisa a sfruttare questo viaggio per riappacificarsi con il marito e condividere con lui tutta la sua passione per le magnificenze di questa città. 
Insieme visiteranno molti angoli di Parigi, ma presto Marlène si rende conto che il marito è decisamente annoiato da tutti i suoi racconti storici e dal suo entusiasmo. Il giorno del loro anniversario finiscono irrimediabilmente per litigare e decidono così di passarlo separati. Per la prima volta da quando Marlène è tornata a Parigi, si sente finalmente libera di vivere quella città come più le piace e decide di visitare tutti i luoghi che le ricordano il periodo più felice della sua vita. Si ritrova a visitare un piccolo museo, e girovagando tra le varie sale che ospitano quadri bellissimi, si imbatte in un dipinto che la lascia sbalordita.
Vede in quella tela se stessa.
Una donna identica a lei è ritratta in quel quadro così maestoso e dopo lo sconcerto iniziale, inizia ad ammirare nei particolari quel volto a lei così familiare. Potete immaginare chi possa essere?


Com'era potuto succedere?
Il mio sguardo vagò e cadde sulla targhetta accanto al dipinto. C'era scritto:
DAVID MARLOWE SCOTTO (1900-1957)
"DOPO IL BALLO", 1939
OLIO SU TELA
Il pittore era morto prima che nascessi, e aveva dipinto ancora prima questo quadro.
Continuavo a inspirare ed espirare sempre più intensamente. Mi sentivo come se le gambe avessero fatto una maratona.
In un angolo della sala c'era una sedia, e mi lasciai cadere su di essa, senza staccare gli occhi da quadro.
Chiusi gli occhi per un momento.
Quando li riaprii, il quadro era ancora lì, così come la donna ritratta.
Feci un respiro profondo.
Cosa poteva significare?
Com'era possibile?


Ed ecco che la storia delle due donne inizia un cammino parallelo fatto  di ricordi e ricerca. Vianne racconta la sua vita, dall' arrivo a Parigi fino alla sua morte.
Marlène, invece, inizierà una ricerca serrata per scoprire l'identità di quella donna identica a lei.


Questo libro è stata una lettura molto impegnativa. I cenni storici riportati sulla resistenza parigina durante la prima guerra mondiale, sono davvero dettagliati e ben descritti dalla donna che ci vive attraverso. Un periodo di vita a noi noto, ma spesso compreso solo attraverso testi scolastici o poco altro.
È stato invece molto interessante vivere quel periodo attraverso gli occhi di chi ha davvero vissuto quell'angolo di storia sulla propria pelle. Le gioie e i dolori di quell'epoca, una donna che ha saputo sopravvivere e vedere realizzati i propri sogni, ma che si è anche vista strappare dalla guerra gli amori della sua vita. L'amore per la sua patria.
Marlène rivive attraverso di lei, parti della storia della sua famiglia che non conosceva.
Vianne dopo la fuga da casa, era stata bandita dalla famiglia ed è per questo che nessuno delle generazioni successive era a conoscenza della sua esistenza.
In queste due donne scorre lo stesso sangue, e la caparbietà di Vianne rivivrà attraverso Marlène, e grazie a lei capirà le cose più importanti della sua vita e come affrontarle.
Una lettura intensa, a tratti un po' lenta, ma molto ben costruita. 
Si avverte l'approfondita opera di ricerca dell'autrice che ha trasformato in un romanzo, storie realmente accadute a persone conosciute realmente.






Nota autrice: Mentre descrivevo il dipinto "Dopo il ballo" e la sua creazione, avevo in mente "Lo specchio" di Frank Markham Skipworth (vedi immagine).









Nessun commento:

Posta un commento