mercoledì 5 luglio 2017

FOREVER ME, SANDI LYNN. Recensione.


TITOLO: Forever love

AUTORE: Sandi Lynn

SERIE: Forever #4

EDITORE: Newton Compton

PUBBLICAZIONE: 20 giugno 2017 

GENERE: Contemporary romance 

PAGINE: 335

PREZZO: € 4,99 ebook

Mi presento. Mi chiamo Collin Black, e sono il futuro amministratore delegato della Black Enterprises. Ho ventidue anni e sto vivendo il sogno americano, o perlomeno la mia versione. Sono ricco, bello, sexy e dovunque io vada le donne si buttano ai miei piedi. Mi piacciono le feste, e spesso la cosa mi mette nei guai. Che posso dire sulle donne? Una donna mi ha spezzato il cuore e mi sono chiuso in me stesso, perché non accadesse mai più. Sono diventato uno degli scapoli più ambiti. Lascio una scia di cuori spezzati dovunque io vada.
Finché non è arrivata lei.
Questo è il mio viaggio attraverso gli alti e bassi della vita, mentre faccio la mia scalata verso il successo, guarisco il mio cuore spezzato, e scopro che nella vita c'è più di quel che pensavo.
Lei ha cambiato tutto.



Cari angeli, se con il libro precedente mi sono sentita immersa in un disastro completo, con questo quarto capitolo della serie Forever sono stata letteralmente catapultata in un vuoto cosmico che con scene hot banali, ripetitive e automatiche non ha fatto che peggiorare.
Emozioni, vi prego, che fine avete fatto? Perché siete andate in vacanza?
La trama e la lunghezza del romanzo mi avevano fatto ben sperare in un ritorno almeno ai tempi di Connor, invece, ahimè, sono stata delusa del tutto.
La storia di Collin, protagonista di Forever me, ha delle potenzialità non sfruttate. Il rampollo della famiglia Black è stato lasciato dopo sei anni dalla sua ragazza, nonché figlia della migliore amica di Ellery. È disilluso dall’amore, si sente ferito, abbandonato e reagisce frequentando feste, bevendo fino allo svenimento e praticando tanto, tanto sesso occasionale con più donne possibili. Purtroppo il dolore e i sentimenti che prova per l’abbandono non arrivano al lettore e come potrebbero, dico io, se il protagonista non fa altro che ripetere la parola “sexy” per ogni ragazza che incontra perdendosi in riflessioni banali e immagini spinte al limite  del patetico?
Finalmente durante la lettura scorgo all’orizzonte qualche barlume di speranza  quando Collin incontra lei, Amanda, una ragazza dalle fattezze angeliche che gli ricorda molto la madre Ellery.
Fissai i suoi occhi blu mentre bevevo un sorso di vino. Mi sentivo sopraffatto da lei: una sensazione che non provavo da molto tempo. In realtà, non ero nemmeno sicuro di essermi mai sentito così.
 
 
Ma anche la protagonista femminile fa acqua da tutte le parti. Questo angelo biondo dagli splendidi occhi azzurri, pur avendo tutte le carte in regola per essere inserita nella categoria delle ragazze super incasinate (perde famiglia e ragazzo in un incidente nautico) non colpisce il lettore.


Potrei definirla una  "paper princess" (senza fare riferimento alnoto libro che credo quasi tutte abbiamo letto), letteralmente una principessa di carta, priva di qualunque personalità rilevante, emozione o sentimento. Rimane a mio parere un nome sulla pagine di un libro a cui associare quello del protagonista. È incredibile come vengano poco approfondite le emozioni che questa ragazza prova per la perdita più grave che può colpire un essere umano: la morte dei propri cari.
Mi sono ritrovata quindi circondata da protagonisti superficiali, occupati in una serie di eventi quotidiani, argomentati approssimativamente, noiosi come l’elenco dei nomi sul registro della scuola.
Ciliegina sulla torta? Ho finito il libro senza avere alcun indizio sull’aspetto fisico di Collin Black che quindi rimane un mistero come pure il suo innamoramento lampo per Amanda, la quale subisce nel corso del libro gli attacchi sessuali di Collin descritti dall'autrice tramite gesti meccanici e ripetitivi senza alcuna sfumatura erotica o sensuale. Per non parlare poi delle richieste improvvise di Amanda in netto contrasto con la sua ritrosia iniziale e l’apparente aspetto da brava ragazza.
Ecco fatto. Dopo aver parlato così tanto di sesso, dovevo entrare dentro di lei all’istante. Le strappai le mutandine e la spinsi sul letto. Affondai due dita dentro di lei per assicurarmi che fosse pronta, lei gemette.
«Voglio che tu mi prenda da dietro», disse togliendo le mie dita e girandosi.
«Cazzo, tesoro. Sto morendo di voglia».
«E allora sbrigati, signor Black. Ti voglio ora!».
Lo spinsi dentro di lei ed entrambi ansimammo.
Ritroverete tutta la famiglia Black, Connor ed Ellery, che, analogamente alla novella Forever Love, sono  ancora alle prese con una incontrollabile attrazione reciproca, fonte di imbarazzo per i figli. Capisaldi della serie che ai miei occhi sono stati stravolti e ridicolizzati dall’autrice.  Ritroverete Julia e il marito Jake ma soprattutto conoscerete una coppia mamma e figlio che sono stati, per quanto mi riguarda, l’unico elemento positivo di tutto il romanzo.
Fortunatamente lo stile della Lynn è stato anche questa volta sorprendentemente scorrevole e pertanto ha reso la mia agonia durante la lettura più accettabile. Quello che non ho apprezzato molto stavolta, però, è stata l’alternanza del POV in prima persona dei protagonisti e della terza persona singolare utilizzata per descrivere il susseguirsi dei molteplici eventi quotidiani.
Nonostante tutti i suoi difetti in questo romanzo viene citata da Collin una frase molto bella che in altri contesti mi avrebbe commossa rievocando situazioni particolari della mia vita e che ho deciso di condividere con voi.

«A volte dobbiamo parlare delle cose che ci fanno più male per trovare un senso di pace».
 
 Concludendo, spero vivamente che questa scrittrice con il tempo riesca a capire che un libro è quell’unico strumento prezioso in grado di teletrasportare il lettore in mondi inesplorati, regalandogli la possibilità di vivere storie mai vissute ma soprattutto di trasmettergli tramite i suoi personaggi emozioni indimenticabili, perché, cari angeli,  sarete sicuramente d’accordo con me, la vita senza emozioni non avrebbe senso.



SERIE FOREVER

Forever with you (recensione qui)

Forever everyday (recensione qui)

Forever us (recensione qui)

Forever love (recensione qui)

Forever me



1 commento:

  1. Concordo in pieno... non so nemmeno come ho fatto a finirlo!!

    RispondiElimina