venerdì 16 giugno 2017

DI NUOVO CON TE, KATIE McGARRY. Recensione.


TITOLO: Di nuovo con te

AUTORE: Katie McGarry

SERIE: Thunder road #3

EDITORE: HarperCollins

PAGINE: 469

PUBBLICAZIONE: 8 giugno 2017

GENERE: Young adult

COSTO: € 6,99 ebook; € 16,00 cartaceo
Violet sa esattamente qual è il suo posto nel motoclub del Reign of Terror: come tutte le donne, deve starsene in disparte e lasciare che siano gli uomini a risolvere qualsiasi tipo di problema. Quando suo padre viene ucciso, però, si rende conto che se vuole proteggere se stessa e il fratellino deve prendere le redini della propria vita e tagliare i ponti con tutti, compreso Chevy, il ragazzo con cui è cresciuta e di cui è innamorata. Ma nel momento in cui un clan rivale la ricatta, minacciando di rivelare vecchi segreti che potrebbero danneggiare le persone che le sono più care, tutte le sue certezze si sgretolano. Violet è costretta così a mettere in discussione quello che era convinta di sapere sul conto del padre, del Terror, di Chevy e soprattutto ciò che lei ha sempre sognato. Il che comporta dare un nuovo significato a parole come famiglia, lealtà, amore, amicizia, perdono... E trovare dentro di sé la forza per diventare la persona che salverà tutti loro.

Il terzo episodio della serie Thunder Road, dedicato a due dei personaggi più controversi dei romanzi precedenti: Violet e Chevy.

Aspettavo la storia di Violet e Chevy dopo averli conosciuti meglio nel secondo volume della serie Thunder Road. Mi sono sembrati sin dal primo momento due personaggi molto interessanti e le aspettative, soprattutto dopo aver letto Ovunque con te e Per sempre con te, erano altissime.
Il fatto che la loro storia durasse da tempo, che il sentimento non si è mai affievolito, ma si sono separati per cause di forza maggiore, ha aumentato il mio interesse. Quella tra Chevy e Violet è una storia infinita, che dura da anni. Sono nati a pochi mesi di distanza l’uno dall’altra, hanno imparato insieme a gattonare sul pavimento del Reign of Terror. Sono stati amici, sempre amici, finché un giorno non sono più stati solo questo. Sono diventati qualcosa di più, e poi hanno perso tutto. E ora devono fare i conti con ciò che potevano avere ma non hanno avuto, con ciò che hanno perso forse per sempre. Chevy non capisce, lui ama Violet e vuole riconquistarla a tutti i costi. Tra loro, però, c’è qualcosa di più grande e pericoloso. Anche Violet tiene a Chevy, ma per lei è difficile superare lo scoglio del Reign of Terror. Dopo la morte di suo padre, per cui piange ancora ogni giorno, non può accettare che anche Chevy entri a far parte del club. Chi giura fedeltà al Reign in qualche modo muore, e Violet non vuole perdere anche l’amore della sua vita. Non sopravvivrebbe a un altro dolore così grande. Ha scelto di preservarsi, di proteggere il suo cuore lasciando andare Chevy. Perché il ragazzo, che lo voglia o no, sarà sempre legato al club. Tra poco compirà diciotto anni e dovrà fare la sua scelta. Suo nonno è il presidente, suo padre stava per diventare un membro del consiglio. Il suo destino è praticamente già scritto. Anche Chevy indosserà il giubbotto di pelle con lo stemma del Reign of Terror e giurerà fedeltà ai suoi uomini.
Un amore, quindi, forte, ostacolato però dal senso di appartenenza, da legami familiari radicati.
«A volte la vita non ti offre nessuna scelta. A volte il mondo è così com’è. A volte devi percorrere la strada che ti è stata assegnata.»
«A volte, sì» dice Eli. «Ma certe altre persone scelgono la strada più difficile solo per provare che possono farcela.»
«A volte suppongo sia così» sussurra lei, quindi se ne va.
Le premesse erano buone, davvero buone, ma qualcosa, a mio parere, non è andata come doveva.
Innanzitutto devo dirvi che l’inizio e la fine di Di nuovo con te sono le parti migliori, quelle che ho amato di più. Si parte col botto, con un inizio davvero scoppiettante, ricco di suspense e pericolo. Una bella sferzata che vi incollerà alle pagine e vi terrà vigili. Qualcosa che ahimè finirà presto per scemare. Questo romanzo mi è sembrato più lento e meno interessante rispetto agli altri letti. La scrittura della McGarry è sempre impeccabile, nulla da dire, eppure la storia di Chevy e Violet non ha la verve a cui l’autrice ci ha abituate.


Il bastone tra le ruote, l’impedimento, creerà movimento, darà modo all’autrice di introdurre nuovi personaggi secondari, ma finirà, a lungo, con l’annoiare. Ho impiegato più del solito a terminare la lettura perché oltre ad avere tra le mani un numero corposo di pagine, leggere di eventi così simili e ripetitivi dopo un po’ ha reso il ritmo di lettura più lento.
La faida tra Reign of Terror e il Riot, i due club rivali, dura da sempre; abbiamo avuto già un piccolo accenno nei primi due libri, in questo però è tutto molto più approfondito. Si tireranno finalmente le somme, i membri dei due club si metteranno in gioco e tenteranno il tutto per tutto. Chevy e Violet saranno protagonisti della faida, ci finiranno in mezzo senza volerlo e l’attenzione si sposterà dalla loro storia alla guerra storica. E girerà tutto intorno a questo: due club rivali che desiderano ardentemente vendetta e che vogliono spuntarla sull’altro.
Rapimenti, sequestri di persona, verità celate. Tanta carne a cuocere, ma niente di nuovo o particolarmente avvincente. Chevy è un bel personaggio, un ragazzo giovane ma maturo. Le sue contraddizioni e insicurezze sono umane, del tutto giustificate. Di fronte a una scelta così difficile, che comporterà delle conseguenze disastrose, chiunque avrebbe avuto paura. E posso dirvi che ho amato la sua scelta… non avrebbe potuto fare di meglio. Ho amato il suo modo di amare Violet, il suo desiderio di proteggerla a tutti i costi, anche mettendo a repentaglio la sua vita.
«Siamo come fuochi d’artificio, Violet. Bellissimi separati, ma fenomenali quando siamo insieme. Ovviamente non puoi avere quel genere di spettacolo senza qualche esplosione.»
Cara Violet, avrei voluto dirle, non lo vedi quanto ti ama? Ma d’altra parte ho anche compreso la ragazza. Anche lei ama follemente Chevy, non è mai esistito nessun altro per lei, e proprio in nome di quest’amore non vuole rischiare di perderlo per sempre.
«Ti fidi di me?»
certo che sì. Mi sono fidata di lui perché è stato il primo bambino che mi ha tenuto la mano. Mi sono fidata di lui perché è stato il primo ragazzo che ho baciato. Mi sono fidata di lui perché è stato il primo con cui ho fatto moltissime cose.

Insomma, protagonisti promossi a pieni voti (dolci, coraggiosi, altruisti), scrittura della McGarry idem perché è impossibile negare il talento quando lo si tocca con mano, storia di partenza promossa, ma ritmo lento. Di nuovo con te, e lo dico con rammarico, non mi è sembrato all’altezza degli altri romanzi e mi ha deluso un po’. Il finale, come l’inizio, è stato uno dei punti di forza del libro. Nelle ultime trenta pagine mi è sembrato di ritrovare la McGarry capace di incantarmi di Ovunque con te e Per sempre con te.
Se avete amato la storia di Emily e Oz e quella di Breanna e Rasoio, date una possibilità anche a Violet e Chevy. Il talento dell’autrice merita ed è per questo che ve ne consiglio la lettura nonostante qualche riserva.






THUNDER ROAD SERIES 

#1, Ovunque con te (recensione) - Emily e Oz
#2, Per sempre con te (recensione) - Breanna e Rasoio
#3, Di nuovo con te - Violet e Chevy


Nessun commento:

Posta un commento