giovedì 26 gennaio 2017

MR. BELLISSIMO, R.K. LILLEY. Presentazione.

DOPO AVERLO TANTO ATTESO, ECCO CHE ARRIVA, IL 13 FEBBRAIO IL QUARTO CAPITOLO DELLA SERIE FRA LE NUVOLE, DI R.K. LILLEY, MR. BELLISSIMO, CHE L'AUTRICE HA FATTO TRADURRE E AUTOPUBBLICARE. QUESTA VOLTA LA STORIA SARÀ RACCONTATA DA MR. FOXXUTO CAVENDISH, IL RICCO UOMO D'AFFARI CHE SI INNAMORA DELLA HOSTESS, BIANCA. OLTRE ALLA PRESENTAZIONE TROVERETE IL PROLOGO E I PRIMI DUE CAPITOLI TRADOTTI DA CINZIA. JAMES, ARRIVIAMOOOO...




TITOLO: Mr. Bellissimo

AUTORE: R. K. Lilley

SERIE: Fra le nuvole #4

EDITORE: R. K. Lilley

PUBBLICAZIONE: 13 febbraio 2017 

GENERE: Contemporary romance

COSTO: € 4,99 ebook




MR. BELLISSIMO (FRA LE NUVOLE #4) 

JAMES
Lei era il mio luogo di perdizione e il mio tempio: la adoravo contaminandola al tempo stesso, la glorificavo profanandola, la riverivo degradandola. 

Sono rinato quattro volte nel corso della mia vita. 
È una sensazione nitida, impossibile da confondere - positiva o negativa, dannosa o utile ma soprattutto inarrestabile - di venire disgregato e ricomposto in qualcosa, qualcuno di totalmente nuovo.
Alla morte dei miei genitori, da un’infanzia felice mi ritrovai a navigare in acque torbide, sotto il peso di responsabilità infinite, circondato da nemici e disperatamente solo.
Rinacqui nuovamente per mano di un vile predatore che mi rese collerico, più cinico e senza ombra di dubbio, mi trasformò nel perverso fottitore che sono oggi.
La terza volta fu repentina: un giorno guardai un paio di occhi azzurro chiaro e vidi l’altra metà di me stesso. Scacco matto… Passai da un’esistenza completamente sotto controllo, una vita in cui prendevo ogni decisione in modo freddo e calcolato, a diventare schiavo di sentimenti ed emozioni a me sconosciute ma per questo meravigliose. 
E poi, troppo in fretta, si scatenò un cataclisma: la quarta rinascita, nella quale mi ritrovai a implorare un Dio che non avevo mai preso in considerazione, di salvare la vita alla donna della quale non avrei mai più potuto fare a meno.


EXTRA PROLOGO E PRIMI DUE CAPITOLI 

(traduzione Cinzia Tagliafierro)


PROLOGO
LA MIA RINASCITA
PRESENTE
JAMES


Sono cambiato quattro volte nella mia vita.
Si tratta di una sensazione ma è impossibile sbagliare.
La notevole sensazione di essere stato distrutto e poi guarito in qualcosa di nuovo, una persona nuova.
Questo può essere buono o cattivo, utile o dannoso, ma soprattutto inarrestabile.
Sono cambiato quando i miei genitori sono morti, sono passato da un' infanzia felice a percorrere un mondo oscuro, con infinite responsabilità, circondato da nemici e disperatamente solo.
E' successo di nuovo per mano di un vile predatore.
Dopo quel fatto sono diventato rabbioso e cinico, e senza dubbio mi ha trasformato nel fottuto eccentrico che sono oggi.
Il terzo fatto è accaduto velocemente.
Un giorno ho visto un paio di occhi azzurri e ho visto l'altra metà della mia anima. SCACCO MATTO.
Sono finito da una vita completamente controllata, una vita in cui ogni decisione era dettata da un freddo calcolo, ad un uomo sopraffatto da sentimenti e da emozioni che gli erano estranee, ma in qualche modo meravigliose.
E tutto questo, dopo troppo poco tempo ha creato il cambiamento catastrofico per la quarta volta, quando ho pregato Dio nella speranza che risparmiasse la vita di una donna senza la quale non potevo più vivere.


PRIMO CAPITOLO
LA MIA SOFFERENZA.


Quattro giorni.
Novantasei ore.
Ho aspettato cinquemilasettecentosessanta minuti affinchè si risvegliasse.
E ogni secondo di quei lunghi minuti, ho sofferto.
Non ho avuto un momento di torpore.
Non un misericordioso secondo di disconnessione.
Ho sentito ognuno di quei giorni, quelle ore, quei minuti, quei secondi tortuosi, senza anestesia.
Visioni sanguinose riempivano la mia testa.
Tutti quei corpi sparsi in terra come una terribile tragedia greca.
Una ripetizione continua di visioni abbiette mi bruciavano nella mente, rimanendo li per tutto il tempo.
E quando la mia testa non era piena di visioni sanguinose, era invasa da tortuosi ricordi agrodolci.


CAPITOLO DUE (estratto)
LA NOIA

PASSATO
JAMES

Il mio telefono riceve un messaggio proprio mentre l'operatore di volo mi fa strada verso l'ingresso dell'aereo.
Questi voli commerciali, anche se a noleggio privato, erano una seccatura.
"Mr. Walker ha qualche minuto di ritardo, ma sta arrivando" dice l'operatore dietro di me.
Mi limitai ad annuire, ringranziandolo per avermi messo al corrente.
Cos'era qualche minuto, quando ne avevo sprecato ben quarantacinque per raggiungere l'aereo?
Controllo il telefono e la mia bocca fa una smorfia quando vedo che il messaggio è di Jolene.
Voleva vedermi di nuovo elemosinando soldi in un breve sms.
Di solito cercava di separare le due domande, ma apprezzavo la sua brevità del testo.
Mi faceva sentire meno stronzo sapere che per fottermi occasionalmente certe donne volevano essere pagate.
Preferivo di gran lunga pagare che perdere tempo.


*JAMES: prossimamente sono impegnato, ma puoi contattare Ben K per i soldi. Solita procedura. Basta che tu gli dica di quanto hai bisogno.

*JOLENE: Grazie! Non vedo l'ora di rivederti.
La scorsa notte è stata incredibile. Ti amo xxx

Alzai gli occhi al cielo.
La notte scorsa l'ho tollerato ma ho odiato quando ha pronunciato la parola con la lettera A.
Tutto ciò che condividevamo era scopare in maniera rude e bizzarra.
E sapeva benissimo che non l'avrei contattata tanto presto, sempre se lo avessi fatto.
Chiamarla troppo spesso, significava avvicinarla troppo.
Era triste, considerando come raramente accadeva.
Come si può soffrire per una persona che si è vista solo due volte, e solo per fare sesso?
Mi rimisi il telefono in tasca mentre mi avvicinavo al velivolo.
Non c'era nessuno ad accogliermi alla porta ma non aveva importanza.
Sapevo che ci sarebbero stati un altro paio di passeggeri, e che Bram Walker sarebbe stato nella prima classe, quindi non sarebbe stato difficile trovarlo.
Mi voltai a sinistra, guardando in basso verso il mio orologio, mentre entravo nella cabina della prima classe.
Alzai gli occhi, e mi bloccai.
Un'assistente di volo alta e bionda quasi corse verso di me, ma si fermò poco prima alzando il mento e guardandomi.
I suoi occhi si spalancarono e si irrigidì.
Era bellissima, con gli occhi azzurri più chiari che avessi mai visto e morbide labbra rosa che formavano una piccola O di sorpresa, mi osservavano.
Un tenue colorito rosa molto attraente colorò le sue guance.
Non aveva senso, ma rimanemmo li, immobili, a fissarci per cinque minuti buoni.
L'ho studiata, immediatamente attratto, anche se questo è un eufenismo. Ne ero affascinato.
C'era qualcosa di irresistibile nei suoi occhi.
Erano così chiari che mi avevano colpito come se fossero trasparenti.
Mi ero imbattuto spesso in occhi azzurri, freddi come il ghiaccio, ma non i suoi.
I suoi erano chiari come l'acqua, così limpidi che era come se potessi vederci attraverso, qualcosa di impossibile, lo specchio di un'anima affine, o forse una persona complementare alle mie inclinazioni.
Dubitavo fosse una sottomessa.
Le possibilità erano troppo poche, ma ero certo che ne fosse capace.
Mi sentivo come se potessi tenerla in piedi solo con la forza della mia volontà, e ho amato quella sensazione.


LA SERIE FRA LE NUVOLE

#1 IN VOLO
#2 AD ALTA QUOTA
#3 COI PIEDI PER TERRA



PREORDER


Nessun commento:

Posta un commento